Vigoleno

uno dei borghi più belli d'Italia

Vigoleno sorge nei Colli Piacentini, nel punto in cui le valli dello Stirone e dell'Ongina s'incontrano a segnare il confine con la provincia di Parma. Entrando nel borgo, impressionano le spesse mura di pietra, la sequenza ritmica delle merlature, il mastio, la torre meridionale, i bastioni e le vie brevi e strette dell'interno.

La fortezza originaria fu costruita probabilmente nel secolo X, ma le prime testimonianze storiche risalgono al 1141, quando Vigoleno era un avamposto del Comune di Piacenza sulla strada verso i territori parmensi. Intorno al Duecento entrò in possesso della famiglia guelfa degli Scotti, in conflitto con Piacenza, dominata allora dalle fazioni ghibelline le quali attaccarono e distrussero per due volte il castello durante il secolo XIV. La dinastia Scotti mantenne poi il potere fino all'inizio del XX secolo, facendo sì che in questo tempo tutto sia rimasto più o meno immutato.

La proprietà, poi, nel 1922 arrivò in mano alla principessa Maria Ruspoli duchessa di Grammont, che lo tramutò in un salotto culturale che ospitò grandi personalità come Gabriele D'Annunzio, Jean Cocteaou ed il pittore Max Ernst, considerato come uno dei padri del surrealismo.

Sulla piantina di Vigoleno, contenuta all'interno della piccola guida che si trova presso il Borgo Incantato, sono indicati alcuni tra i punti di interesse:
  1. Mastio, cammino di ronda e torre meridionale
  2. Castello con giardini privati
  3. Ristorante del Castello
  4. Taverna al Castello
  5. Chiesa di San Giorgio
  6. La bottega: Oggetti in ceramica e Vino
  7. Borgo Incantato: Enoteca e Artigianato locale
  8. Salone parrocchiale
  9. Laboratorio dell'inventore di Vigoleno
  10. Oratorio della Beata Vergine delle Grazie
  11. Casa Tanzi
  12. Mura esterne e giardino delle erbe aromatiche
  13. Porta di Castel Sottano
  14. Sentiero panoramico
  15. Trattoria La vecchia Scuola